Ancora sui Macchianera Blog Awards 2009

Posted in Comics, Web with tags , , , , on 7 ottobre 2009 by random0

Ne ho già parlato.

Sulla questione autoreferenzialità… come fa a vincere questo il premio di miglior disegnatore, rispetto a un Singloids che è anniluce avanti per disegni, idee, umorismo e cura dei dettagli?

Autoreferenzialità, ti-voto-perché-sei-mio-amico, ma-quanto-siamo-fighi-noi-bloggherz.

Bha.

Annunci

Cannibali

Posted in Web with tags , on 2 ottobre 2009 by random0

Cinque cannibali vengono assunti come impiegati in una ditta. Durante la presentazione, il Direttore Generale dice: “Adesso siete parte del gruppo, qui si guadagna bene, e se avete fame potete andare alla mensa aziendale. Quindi non date noia agli altri impiegati!” I cannibali promettono solennemente di non disturbare gli altri.

Quattro settimane dopo il Direttore Generale torna e commenta soddisfatto: “State tutti lavorando bene, e sono molto soddisfatto di voi ….. Anzi da due o tre settimane l’azienda sta andando a gonfie vele. Però da ieri sembra scomparsa una delle ragazze delle pulizie e quindi gli uffici sono tutti sporchi. Qualcuno di voi sa cosa è successo?” I cannibali dichiarano di non saperne niente della ragazza.

Dopo che il direttore si è congedato, il capo dei cannibali dice agli altri: “Avanti, chi è il coglione che si è mangiato la ragazza?”

Uno alza esitante la mano, ed il capo dei cannibali inviperito esplode: “Sei veramente un deficiente! Per quattro settimane abbiamo mangiato solo Responsabili Marketing, Capi Area, coordinatori, Area Manager e Product Manager, in modo che nessuno si accorgesse di un cazzo di niente, e tu …. tu…… coglione, dovevi proprio mangiarti la ragazza delle pulizie?!”

via ritagli di .mau. – Cannibali.

Il vero Razzismo

Posted in Mondo, Oggi with tags , on 24 settembre 2009 by random0

C’era una volta la libertà di informazione in Rete

Posted in Italia, Oggi with tags , , , on 17 settembre 2009 by random0

Il 14 settembre scorso è stato assegnato alla Commissione Giustizia della Camera un disegno di legge a firma degli Onorevoli Pecorella e Costa attraverso il quale si manifesta l’intenzione di rendere integralmente applicabile a tutti i “siti internet aventi natura editoriale” l’attuale disciplina sulla stampa.

PI: C’era una volta la libertà di informazione in Rete

… e l’onorevole Pecorella vuol mettere la rete a pecorella…
… e diventarono realtà le immaginazioni cyberpunk di black internet…
… e nessuno riuscì mai a fermarli …
(ok, rigurgito ottimista oggi)

Prove tecniche di trasmissione

Posted in Italia, Oggi with tags , , , on 16 settembre 2009 by random0

Io invece, l’ho visto tutto di Alessandro Gilioli

Finirà? Spero di si… e il dopo?
Magari scopriamo che non c’è mai fine al peggio…

Quest’uomo è un genio (il disegnatore intendo!)

Posted in Italia with tags , , , on 15 settembre 2009 by random0

Berlusconi e il suo pisello

Valvole di sfogo: COSA COVA NELLE MUTANDE DEL CAVALIERE?.

BlogBabel e il Superenalotto

Posted in Web with tags , , on 10 settembre 2009 by random0

Ripensandoci, il problema dell’affare BlogBabel sta proprio nella sua modalità da presa per il culo, che tanto ha fatto giustamente incazzare Marco Camisani Calzolari.

Permettetemi un parallelo con il Superenalotto, non per i soldi o il valore o l’hype, ma per le modalità, alla fine un’asta su eBay, negli ultimi istanti, è un po’ un gioco d’azzardo.
Quando è stata aperta l’asta sono sicuro in molti, me compreso, hanno pensato cosa avrebbero potuto fare con BlogBabel, sia gli squattrinati, che chi ha pianificato accordi per offrire cifre importanti.

Comunque tutti hanno speso tempo ed energie a fare progetti e trovare soluzioni, ma solo uno avrebbe potuto mettere in pratica i suoi pensieri.
Tutto questo inutilmente, perché sappiamo come è finita.

È come se al Superenalotto, dove tutti accettano di giocare e non vincere mai, perché pensano che il sistema sia onesto, si scoprisse che i vincitori vengono decisi a tavolino e non con l’estrazione.
In quanti si incazzerebbero?

Ecco il problema dell’affare BlogBabel e della bruttissima figura che ha fatto, retroscena (veri o falsi che siano) a parte.
Chi ha in un modo o nell’altro partecipato all’asta o progettato di farlo è stato solo preso per il culo, usato per raggiungere un obiettivo che si sapeva già essere un altro.
Ma comunque siamo in Italia…